UPS per videosorveglianza

Un impianto di videosorveglianza che deve garantire la sicurezza di un ambiente non può prescindere dalla presenza di un gruppo di continuità (UPS) che provveda alla continuità e alla qualità dell’energia. Questo concetto, apparentemente intuitivo, merita però un approfondimento.
Un ladro, prima di violare un edificio, cerca sempre di togliere l’alimentazione. Sa bene che le normative di sicurezza impongono a molte chiusure elettriche di aprirsi automaticamente in caso di mancanza di tensione, agevolando così il suo “lavoro”. Non solo, in riferimento agli impianti di sicurezza, i professionisti dello scasso sanno bene che:
• molti installatori trascurano l’installazione di un’alimentazione di emergenza nella realizzazione di impianti di videosorveglianza. In questo modo, aprendo l’alimentazione elettrica principale, mettono fuori uso il sistema;
• molto spesso a causa di una mancata manutenzione delle batterie in dotazione ai gruppi di continuità, quest’ultime risultano scariche o danneggiate. Eliminando l’alimentazione principale, anche gli impianti di sicurezza vanno fuori servizio.
Ecco dunque spiegato perché la CONTINUITÀ DELL’ENERGIA È LA PRIMA E LA PIÙ GRANDE FORMA DI GARANZIA per la sicurezza degli ambienti.
È sempre bene ricordare che gli sbalzi di tensione sono un fenomeno molto frequente. Purtroppo i sistemi di videosorveglianza sono costituiti da dispositivi particolarmente soggetti a guasti causati proprio da queste oscillazioni anomale.
In particolare:
– Gli hard disk su cui vengono effettuate le registrazioni necessitano di una tensione assolutamente stabile. Le operazioni di lettura/scrittura possono essere alterate in modo irrimediabile in caso di alimentazione irregolare, che può provocare anche la rottura della componentistica elettronica;
– Le telecamere hanno controller elettronici delicati i cui circuiti potrebbero essere danneggiati se venissero raggiunti da oscillazioni anomale.
– I Led, fondamentali nei moderni sistemi di videosorveglianza, sono sensibilissimi agli sbalzi di tensione. In impianti il cui progetto non prevede l’uso dell’UPS, accade spesso che già dopo pochi mesi le telecamere abbiano i LED dell’illuminatore bruciati (il che obbliga al cambio delle telecamere).
Se volete che il vostro sistema di videosorveglianza duri a lungo e svolga la sua funzione in modo affidabile, è fondamentale che lo proteggiate con un UPS adeguato. Insomma, un UPS ALLUNGA LA VITA… DEL TUO IMPIANTO.

Come scegliere UPS per videosorveglianza?

Una volta compresa l’importanza di un gruppo di continuità capace di assicurare per un certo tempo il funzionamento del sistema anche in caso di blackout e che protegga i dispositivi dalle irregolarità dell’alimentazione elettrica, dedichiamoci a capire quali siano i criteri da seguire per la scelta del gruppo di continuità più adatto.

Gli impianti di videosorveglianza di piccole e medie dimensioni, hanno un assorbimento di potenza piuttosto basso. La protezione che richiedono contro le perturbazioni di rete sono abbastanza agevoli da assicurare.

Questo significa che possono essere adeguatamente protetti da UPS di tipo Line Interactive (VI), ossia TYPE dotati di una tecnologia che garantisce l’intervento in caso di black out o di sbalzi di tensione dopo pochissimi millisecondi (2-4 ms.), un tempo di latenza perfettamente compatibile con la continuità di funzionamento del sistema. Inoltre questi UPS sono dotati di un dispositivo di regolazione automatica (AVR) capace di gestire piccoli sbalzi di tensione anche prima dell’intervento diretto delle batterie.

I sistemi “Line Interactive” sono quindi ideali per la grandissima maggioranza degli impianti di videosorveglianza, dove si fanno apprezzare per il loro costo contenuto, per i bassi costi di gestione ed installazione.

Un’ulteriore distinzione degli UPS Line Interactive, è la tipologia della forma d’onda d’uscita che può essere:

Pseudo Sinusoidale (tipica degli apparati entry-level e idonea per carichi informatici)

Sinusoidale (tipica dei modelli più avanzati e adatta ad apparati sensibili).

Nei casi di impianti più sofisticati e con una forte presenza di componenti IT diventa consigliabile adottare UPS con tecnologia ON LINE a doppia conversione (VFI), dove nel modo di funzionamento normale i carichi vengono alimentati dalla combinazione raddrizzatore/inverter, assicurando una perfetta qualità di alimentazione, indipendente dalla rete, sia in tensione che in frequenza. In caso di black out il tempo di commutazione per il funzionamento da batteria è istantaneo (0 ms).

La prima cosa da valutare è la potenza dell’UPS in funzione dell’impianto. In particolare, i più comuni impianti di videosorveglianza sono costituiti da un DVR (analogico o digitale) a 4/8/16 canali con relative telecamere; sono sistemi che funzionano normalmente a 12 V e hanno un assorbimento relativamente contenuto (da 5 a 15A circa). Questo significa che anche con UPS di potenza nominale esigua, si riesce a dare al sistema un’autonomia considerevole, anche di oltre 30 minuti.

  • Un UPS da 650 VA è infatti sufficiente per alimentare fino a mezz’ora circa un sistema a 4 canali
  • Un UPS da 1200 VA può fare la stessa cosa con un sistema da 16 telecamere IP.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è che le telecamere sono dispositivi progettati per restare sempre sotto tensione, mentre quello che si avvia e si arresta è la videoregistrazione. Anche i dispositivi di gestione del video, come monitor e DVR devono essere protetti con UPS.

A questo proposito è bene ricordare che alcune telecamere alimentate in funzionamento da batteria con UPS ad onda Pseudo sinusoidale, possono incorrere in sfarfallii e disturbi nella registrazione dei dati.

E’ consigliato dunque adottare modelli con forma d’onda sinusoidale. Una soluzione molto professionale consiste nel realizzare una rete di distribuzione per alimentare tutte le telecamere con uno o più alimentatori centralizzati. Tali dispositivi si collegano alla rete 220 V e forniscono un certo numero di uscite ognuna in grado di alimentare una telecamera. Questa soluzione consente di evitare la sistemazione dell’alimentatore vicino alla telecamera e permette il collegamento centralizzato di tutto il sistema a un UPS.

UPS per videosorveglianza
IST3 | UPS per Videosorveglianza


AEC UPS | Sistemi di continuità

Fondata nel lontano 1968, il gruppo AEC, Allis Electric Co. Ltd, è una società pubblica quotata alla borsa di Taipei dal 1994. Il gruppo AEC è specializzato da più di 50 anni nella produzione di gruppi di continuità UPS per la protezione dell’alimentazione di impianti industriali.

CONTATTI

Via Nerviano 55 Lainate 20045 Milano | Italia

+39 02 94158991

P.IVA : IT 12520320156

Copyright © 2022 | All Rights Reserved | Aec International Srl